Mia madre non sa chi sono

“Non sai chi è la mia famiglia? ”
“No … credo di non saperlo. Chi è quello?”
“Non sai chi è mia mamma?”
“No”

“Questo è stato il giorno più difficile della vita”, dice Joey, in lacrime davanti alla telecamera. “Ho provato tante volte a farle ricordare dire chi ero … ma non si ricorda. Mi sento come se fosse appena morta. Non me lo aspettavo, non così presto”.

“Vorrei tornare subito da lei per chiederle ancora una volta: ‘chi sono io?'”

Joey Daley affronta la malattia della madre, una Demenza a Corpi di Lewy insorta quando aveva 66 anni, registrando dei video come questo e creando dei post sulla sua pagina Facebook 

Vuole condividere con altri la sua  esperienza e far capire di cosa si tratti davvero, nella vita di tutti i giorni.

In America hanno molto più “coraggio” di noi, o meno riservatezza, nel raccontare come vivono a contatto con la Demenza.

Sono abituati a mostrare quel che accade con filmati reali, smarrimenti non recitati, lacrime sofferte. Qualcuno nel nostro paese probabilmente non sarebbe d’accordo, ma superato il momento di shock e la grande tristezza che queste immagini producono dentro di noi, è vero che si capisce con molta più immediatezza cosa sia realmente questa condizione di vita.

Al di la’ dei paroloni medici, asettici e lontani dal reale.

Ti senti vicino a quelle persone come altri si sentiranno vicini a te, quando vorrai condividere i tuoi sforzi e le tue lacrime.

Ma anche la tua forza d’animo nell’andare a trovare tua mare, tuo marito, tuo fratello…e trovare ogni tanto un’occasione per ridere insieme e filmare anche quella e di nuovo commuoversi insieme, sapendo che non sei solo/a. Siamo in tanti, la fuori