Mi organizzo e ti aiuto

Quando ti prendi cura di una persona colpita da un ictus, ogni minuto risparmiato conta.  Berenice Kleiman lo sa fin troppo bene. Kleiman. Lei, autrice di  “One Stroke, Two Survivors” e “Lessons Learned”, si è presa cura di suo marito, Herb, da quando ha avuto un  ictus 13 anni fa.

“La gestione del tempo è un ossimoro”, dice. “Devi lasciar andare e devi essere flessibile, avendo a che fare con la vita e la morte. Queste cose si possono gestire. ”

Ecco quattro dei suggerimenti della Kleiman per risparmiare tempo:

Farmacia. Chiedi al tuo medico di prescrivere una fornitura di farmaci per 90 giorni. È anche utile avere i farmaci in una unica confezione. Essere organizzati è fondamentale, dice Kleiman, che ha usato il suo word processor per creare una apposita tabella che descrive nel dettaglio tutto ciò che riguarda le medicine del marito. Lei sa quale dottore le ha prescritto quel certo farmaco e quando lo deve somministrare a Herb. 

Appuntamenti del dottore Quando la Kleiman porta Herb da un nuovo dottore, prende un foglio su cui ha riassunto tutti i problemi medici del marito e le sue allergie. Nel sommario c’è scritto anche il nome degli altrim medici o operatori che lo seguono. Quando Herb va a fare un controllo, la moglie consegna al medico un documento con  riassunto di tutto ciò che è accaduto dall’ultimo appuntamento. È di facile lettura e le permette di avere le risposte che cerca.

Pianificazione delle terapie “Devi fare ciò che è conveniente per te”, dice. “Prendi più appuntamenti nello stesso giorno o almeno due in modo da non dover girare tutto il tempo. Se non funziona in un centro di terapia, trovane un altro. La stessa cosa per gli appuntamenti con medici o operatorii: se non ti trovi bene, allora vai dal responsabile del servizio. Non devi accettare qualsiasi cosa ti venga proposta”

Igiene. Non c’è  bisogno di fare al tuo/a caro un bagno o una doccia tutti i giorni. La Kleiman non fa la doccia al marito nei  fine settimana, ma si assicura che sia pulito prima di andare a letto. Un’altra cosa che ha imparato: le unghie dei piedi sono più facili da tagliare quando sono bagnate.

Kleiman esorta i familiari e i badanti a rimanere forti. “L’unica cosa che posso dire è che tu puoi farcela”, dice.